Quantcast

Allevamento Labrador Retriever, riconosciuto da ENCI e FCI 

Facebook Twitter Gplus YouTube E-mail RSS
formats

Quanto costa un cucciolo di labrador?

Qual è il prezzo ragionevole per acquistare un cucciolo di labrador? Attualmente in Italia troviamo cuccioli labrador offerti a 350 € su internet, e possiamo trovare cuccioli particolarmente pregiati  – o anche non pregiati – venduti a 1500 €.

Come districarsi in questa selva? Come scegliere un cucciolo?

La prima cosa da valutare quando si acquista un cucciolo è chi sono i genitori, quali certificazioni ufficiali hanno, a quali test genetici sono stati sottoposti prima di essere avviati alla riproduzione.

In genere sono gli allevatori che fanno questi test, ma si possono trovare privati onesti e competenti e, d’altro canto, allevatori senza scrupoli.

I suddetti requisiti sono molto importanti, perché molti sono gli acquirenti inesperti – e non solo chi vuole spender meno – che si ritrovano un labrador zoppo ed estremamente sofferente in vecchiaia, o cieco; ciò comporta per i proprietari dispiacere ed elevate somme di denaro da dover spendere dai veterinari.

In concreto, che cosa richiedere?

Test genetici assolutamente necessari, eseguiti sui genitori:

  • Test OptiGen per la atrofia progressiva della retina (CPRA): consigliamo vivamente di non acquistare un cucciolo anche se un solo genitore è portatore sano di CPRA, e quindi il cucciolo non sarà ammalato: il rischio di diffondere la malattia in successive riproduzioni, da parte di proprietari non esperti o in malafede, è altissimo: la razza deve essere ripulita con grande fermezza da questa malattia che rende il cane cieco.
  • Test per la miopatia centronucleare (CNM): è una malattia neuromuscolare ereditaria che si manifesta nella debolezza muscolare generalizzata progressiva, intolleranza all’attività fisica ed anomalie nell’andatura e nella postura; ha esito infausto.
  • Test per la sindrome del collasso indotto da esercizio fisico (EIC): conosciuto anche come collasso da sforzo, è una paralisi degli arti dovuta allo sforzo: gli arti posteriori diventano deboli ed incapaci di sopportare il peso del corpo. In questo caso, data l’altissima diffusione nella razza di portatori sani, si può accettare che uno dei genitori si portatore sano; in primo luogo perché la malattia è facilmente curabile, non è letale e spesso non si manifesta; in secondo luogo, se oggi si escludessero tutti i portatori sani di EIC dalla riproduzione, avremmo una perdita di pool genetico disastrosa per la razza. Dffidate degli allevatori che non concoscno o dicono di non conoscere o non testano il loro cani per la EIC.
  • Altri esami consigliati che depongono a favore della serietà dell’allevatore: eco-cuore, narcolessi, etc.

La seconda cosa da valutare è come sono trattati i genitori:

Una fattrice labrador può fare 3-4 cucciolate nella vita, senza subire danni, tra i 2 e i 6-7 anni di età, salvo eccezioni (fattrici di straordinario valore, che stanno molto bene e che hanno fatto pochissimi cuccioli nelle precedenti cucciolate).

Una visita all’allevamento vi emetterà di vedere come vivono i riproduttori.

Quanto costa un cucciolo di labrador?

Adesso possiamo dare alcune risposte: se il cucciolo e i suoi genitori hanno le carte in regola, non può costare poco: fate voi i conti di quanto può costare mantenere una fattrice che fa 3-4 cucciolate nella vita per 11 anni di media (alimentazione + spese veterinarie + esposizioni: leggi qui perché è bene che una fattrice faccia delle esposizioni); a ciò bisogna aggiungere il costo dello stallone (tasso di monta + veterinario = circa 1500 euro per ogni cucciolata), le spese di vaccinazione, sverminazione, microchip, registrazione dei cuccioli all’ENCI.

Possiamo già escludere i cuccioli che costano 3-400 €, che probabilmente sono importai dall’est, al costo di 50 € cadauno, e viaggiano in condizioni pietose, con elevata mortalità e nessuna garanzia. Possiamo di fatto escludere, a meno che non vengano esibiti i documenti sopra-descritti, i cuccioli venduti nei negozi di animali.

Ma non è detto neppure che un cucciolo che costa molto sia necessariamente OK: possono esistere anche allevatori senza scrupoli o millantatori. Richiedete sempre i certificati ufficiali descritti sopra.

Acquistare da un allevamento, oppure un cucciolo nato in famiglia?

Di solito un allevatore onesto fornisce più garanzie, ma si trovano ottime famiglie competenti e talvolta più oneste di certi allevatori: anche in questo caso sono i documenti scritti che fanno la differenza: carta cantat!

Conclusioni

A nostro avviso il prezzo giusto per un cucciolo di labrador di due mesi, allevato bene e garantito, oscilla dai 900 ai 1400 € (cuccioli particolarissimi): di fatto la media è sui 1000 €, con  oscillazioni dovute alle spese di monta, al numero dei nati nella cucciolata, imprevisti (parto cesareo etc): i cuccioli di labrador chocolate (cioccolato, fegato) costano un po’ di più dei cuccioli gialli-miele o dei cuccioli neri

Se i nostri argomenti sono stati convincenti, seguite questa nostra accorata raccomandazione: non favorite, per risparmiare pochi euri, un tipo di allevamento disonesto e marcatamente commerciale: anche se non comprate un cucciolo da noi, scegliete allevatori onesti, competenti, che allevano per passione.