Quantcast

Allevamento Labrador Retriever, riconosciuto da ENCI e FCI 

Facebook Twitter Gplus YouTube E-mail RSS
formats

L’alimentazione di un cucciolo di labrador

ALCUNI CONSIGLI SULL’ALIMENTAZIONE DEL CUCCIOLO

L’alimentazione di un cucciolo di labrador in fase di crescita è completamente diversa da quella di un labrador adulto in quanto il fabbisogno proteico, nonché vitaminico-minerale, è notevolmente superiore.

Anche la ripartizione del fabbisogno giornaliero richiede un numero di pasti diverso a seconda dell’età del cucciolo.

Tutti i testi di cinofilia infatti raccomandano la seguente ripartizione:

  • ETÀ DA 2 A 3 MESI TRE-QUATTRO PASTI GIORNALIERI;
  • ETÀ DA 3 A 6 MESI TRE PASTI GIORNALIERI;
  • ETÀ DA 6 A 12 MESI DUE PASTI GIORNALIERI;
  • ETÀ SUPERIORE AD UN ANNO DUE OPPURE UN PASTO.

Per motivi di praticità si consiglia l’utilizzo di mangimi completi per cani in fase di crescita che si trovano con una certa facilità sul mercato. Tali mangimi, una volta di difficile reperibilità e non appropriatamente bilanciati, oggi hanno raggiunto un livello elevato di qualità tanto da essere preferiti anche dagli allevatori.

A scopo orientativo vi forniamo i nomi di alcuni tra i migliori prodotti sul mercato:

  • PROGEO ELITE CUCCIOLI 1
  • NUTRO’S.
  • ROYAL CANIN (LABRADOR);
  • EUKANUBA;
  • HILLS;
  • PURINA;

La scelta è comunque molto ampia e si tratta solo di decidere la cifra da investire per l’alimentazione giornaliera del vostro cane. Si consiglia caldamente, per la salute del vostro cucciolo, di abbandonare vecchie credenze come quella di ritenere che un cane possa essere benissimo alimentato con la pasta o altri avanzi di cucina. In fine dei conti la cifra giornaliera per alimentare un cucciolo con un prodotto di buona qualità è pressoché uguale al costo di due caffè mentre quella per alimentare un cane adulto è di poco superiore al costo di uno.

Il dosaggio di tali prodotti è inoltre di estrema facilità in quanto sulle confezioni sono riportate delle tabelle che indicano il fabbisogno giornaliero in funzione del peso e dell’età. Tuttavia, bisognerà fare degli aggiustamenti “ad occhio”, in quanto le indicazioni sulla confezione del prodotto sono necessariamente generiche, quando, in realtà, ogni razza ha differenti necessità.

Attenzione: se il cucciolo è alimentato troppo, rischia danni articolari; se poco, rischia deficit nello sviluppo scheletrico muscolare.

Potrà essere di aiuto il grafico sulla progressione del quantitativo della razione giornaliera di un mangime di prima scelta in funzione dell’età del cucciolo.


Consigliamo fortemente, al fine di prevenire fenomeni displasici, a fianco di un alimento completo come quelli sopra indicati, un ciclo con uno dei seguenti integratori (60 gg, a partire dal 3° e dal 10° mese)

Se invece sceglierete di alimentare il vostro cucciolo con metodo tradizionale vi consigliamo di confezionare dei pasti con carne (preferibili le carni bianche perché più digeribili) con riso soffiato o cereali soffiati o estrusi aggiungendo mezzo cucchiaio di olio di merluzzo e, due volte alla settimana, un rosso d’uovo.

Chiaramente tale dieta dovrà essere rigorosamente integrata con dei prodotti a base di calcio e vitamine anch’essi facilmente reperibili sul mercato come per esempio:

Se deciderete di adottare un alimentazione mista dovrete dividere la quantità giornaliera di integratore indicata nella confezione per il numero di pasti ed aggiungere quella quantità ai pasti a base di carne. Questo è molto importante in quanto un eccesso di integrazione si rivelerebbe dannoso per il cucciolo.

Per quanto riguarda la quantità giornaliera di carne da somministrare dovrà essere di 35 gr. x Kg. di peso fino ai quattro mesi per poi scendere ai 30 gr. Fino ai sette e 25 gr. fino a compimento del primo anno di età. La dose giornaliera dai dodici mesi sino ai diciotto sarà di 600 gr. per un maschio e di 550 gr. per una femmina mentre, dopo i diciotto mesi, la dose dovrà essere di 450 gr. per una femmina e di 500 gr. per un maschio. Il dosaggio dei cereali invece dovrà essere di 15 gr. per Kg. di peso per il primo anno per poi scendere a 10 gr. per Kg. di peso.

Come vi sarete accorti per la corretta alimentazione del vostro cane è necessario conoscere con esattezza il suo peso. Un modo semplice per pesare il vivacissimo cucciolo è quello di utilizzare una bilancia pesapersone effettuando due pesate, con e senza il cucciolo in braccio, effettuando poi la differenza.

Qualunque sarà il tipo di alimentazione che sceglierete per il vostro cucciolo vi consigliamo di stare alla larga dalla micidiali “scatolette” che sono senz’altro il peggior alimento disponibile sul mercato e poi forse neppure tanto economico. Per confezionare tali alimenti sono usate sempre carni di scarsa qualità con aggiunta di prodotti conservanti che risultano dannosi per il cane. Molte persone sono costrette a ricorrere a tali alimenti in quanto più appetibili rispetto ai mangimi completi in crocchette ma vi assicuriamo che con un Labrador non avrete di questi problemi.

Vi consigliamo inoltre di non somministrare mai alimenti fuori orario al cucciolo. Il Labrador, come avrete modo di accorgervi, è una razza che ha un rapporto quasi maniacale con il cibo, pertanto, se insegnerete al cucciolo a mangiare solo a determinati orari, vedrete che non si presenterà mai ad elemosinare dei bocconi quando vi troverete a tavola.

Tuti i consigli sopra scritti, si intendono salvo l’approvazione del Vs. veterinario di fiducia.

Home Cuccioli di Labrador Cuccioli labrador - informazioni generali L’alimentazione di un cucciolo di labrador